Visitare Olbia: viaggio in Sardegna

Storia, natura e gastronomia: se state programmando di visitare Olbia e il suo territorio, ecco alcuni consigli che potrebbero tornarvi utili.

Qui hanno vissuto civiltà fin dal periodo prenuragico. Le testimonianze lasciate in tutta l’area ci parlano di dominazioni puniche, romane, bizantine e aragonesi, fino ad arrivare alla storia più recente. Per questo, sarà possibile visitare siti archeologici di estremo valore e fascino come, ad esempio, il Pozzo Sacro di Sa Testa (risalente al periodo VIII – VI secolo a.C.) e le famose Tombe dei Giganti di Su Monte de s’Ape (datato 1.600 a.C.).

Al centro della città si trova la Chiesa di San Paolo, con il caratteristico campanile quadrato in granito e la cupola rivestita di maioliche. Al suo interno, le statue lignee di San Francesco e del Sacro Cuore risalenti al ‘700. Vale assolutamente una visita anche la chiesa romanica di San Simplicio (XI secolo).

Visitare Olbia non può prescindere dal visitare il territorio circostante. Non può, infatti, mancare una sortita nella conca olbiense; direzione: Castello di Pedres. La struttura della fine del 1.200, domina la vallata circostante con tutto il fascino della sua decadenza.

A poca distanza da Olbia, gli amanti del mare potranno godere di località rinomate in tutto il mondo come, ad esempio, Porto Rotondo, dove sarà anche possibile visitare l’anfiteatro romano.

Volendo raggiungere anche Tempio Pausania, il secondo centro urbano per importanza della Gallura, potrete rilassarvi alle terme naturali, tra i ruderi delle costruzioni romane.

Visitare Olbia e il suo territorio sarà ancora più rilassante e conveniente scegliendo tra le migliori offerte di voli Air Italy per la Sardegna.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/art_roman_p/