Le più belle spiagge di Minorca, paradiso terrestre e sottomarino

L’Isola di Minorca, dopo Maiorca, è la più grande dell’arcipelago delle Baleari, nel mar Mediterraneo. Il suo nome, infatti, deriva dall’aggettivo “minor”, attribuitogli dai Romani. Nel 1993, l’Isola è stata dichiarata Riserva della Biosfera dall’Unesco, per le innumerevoli spiagge di Minorca e le realtà sottomarine e terrestri per le quali si contraddistingue.

75 spiagge e circa 140 calette si dividono tra la zona sud e la zona nord, passando dalle spiagge tipicamente bianche, attrezzate e servite della zona sud, alle spiagge selvagge e dalla sabbia rossa del nord. Per gli amanti della natura selvatica e poco urbanizzata, a soli 11 chilometri da Ciutadella si trova Ses Fontanelles, una piccola insenatura di ciottoli e sabbia. Lunga solo 60 metri, molto isolata e dalle acque tranquille, è perfetta per un soggiorno sereno e di riposo, lontano dalla quotidianità e tutto ciò che ne deriva. Per raggiungerla basta seguire le indicazioni fino a Algaiarens – La vall e poi proseguire a piedi lungo il sentiero.

A sud invece, Binigaus è una delle più affascinanti spiagge vergini dell’isola. Lunga circa un chilometro, si raggiunge percorrendo un sentiero che costeggia la spiaggia di Sant’Adeodat. Acqua azzurra, sabbia bianca e la leggera brezza marina non sono le uniche caratteristiche che identificano la spiaggia, la quale è rinomata per la presenza abituale di nudisti.

Tornando al nord, tra le spiagge di Minorca, Cavalleria merita un forte richiamo per la sua bellezza naturale, generata dal contrasto di colori tra l’acqua verde e la soffice sabbia rossa. Una spiaggia incontaminata, lunga circa 450 metri che regala uno scenario incantevole.

Se anche voi desiderate immergervi nella natura di queste spiagge di Minorca, prenotate subito un volo con Air Italy.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/montannito