Una perla nel mar Egeo: l’isola di Ios

Grande circa 100 chilometri quadrati, Ios è una delle isole da visitare se ci si trova alle Cicladi. Non dispone di aeroporto, dunque si può raggiungere solo via mare grazie ai traghetti che partono dai porti di Atene e Santorini.

Viene chiamata l’isola delle feste in quanto negli anni ’60 è stata una delle capitali del movimento hippy, mantenendo la sua natura festaiola anche ai giorni nostri, con party in spiaggia e quant’altro. Conta poco meno di 2000 abitanti, risultando quasi disabitata.

Tra le spiagge da andare a vedere è opportuno menzionare Manganari Beach, una spiaggia dal tipico mare turchese e cristallino, la baia di Agia Theodoti, raggiungibile tramite la strada dei Mulini a Vento, così come la Mylopotas Beach, la più famosa, grazie alla sua sabbia dorata e al suo splendido mare.

Se al divertimento volete aggiungere anche un po’ di cultura storica, si può andare a nord dell’isola di Ios, a Plakato, dove si trova la presunta tomba di Omero: di lui si sa solo tramite Pausania che morì a causa di una malattia mentre era in viaggio verso Atene. Da visitare anche Skarkos, il più importante sito archeologico di tutta l’isola, e la chiesa di Aghios Ioannis, che fu costruita sulle fondamenta del Tempio di Apollo.

C’è poi la Chora, il principale villaggio dell’isola, che si presenta con le caratteristiche casette bianche e i mulini a vento, e l’Ios Palace Hotel, un lussuoso resort con piscina panoramica e luoghi dove godersi un aperitivo guardando il tramonto.

Come detto poco sopra, l’unica via di accesso per l’isola di Ios è il mare, e occorre dunque prendere un traghetto da uno dei porti vicini, come quello di Atene o Santorini. Scoprite le offerte e le tariffe e prenotate un volo per queste due mete con Air Italy.

 

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/frarock