Museo di Palazzo Reale Genova, lo spettacolo del ‘600

Palazzo Reale è uno degli edifici più belli di Genova. Edificato per volere di Stefano Balbi, facoltoso finanziere genovese, ma poi ampliato e ridecorato da Eugenio Durazzo, il palazzo divenne in seguito dimora genovese dei Savoia (da qui il nome).

I suoi interni sono pervenuti ai nostri giorni praticamente intatti, con i loro stucchi, i loro affreschi, statue, busti, candelabri e lo sfarzoso arredo. Ma anche con più di un centinaio di dipinti, patrimonio del Museo di Palazzo Reale, tra i quali è possibile annoverare molti dei migliori artisti genovesi del Seicento, ma anche autori che hanno caratterizzato lo scenario artistico italiano ed europeo del ‘500 e del ‘600, come: Jacopo Bassano, Tintoretto, Luca Giordano, Anton Van Dyck, Ferdinand Voet, Valerio Castello e Guercino.

Anche gli affreschi, di notevole pregio, furono eseguiti dai migliori artisti del tempo, come: Michele Colonna, Agostino Mitelli, Domenico Parodi e Valerio Castello.

La visita al Museo di Palazzo Reale di Genova parte dall’atrio monumentale, per passare sotto i suoi spettacolari stucchi ed entrare nel cortile d’onore, il giardino pensile ed entrare negli ambienti di rappresentanza (Galleria degli specchi, Sala del Trono, Salone da Ballo).

Il primo piano nobile del palazzo, con l’Appartamento dei Principi Ereditari, è visitabile solo previa prenotazione: grazie a uno straordinario stato di conservazione, lì il tempo sembra essersi fermato.

 

Informazioni utili per visitare il Museo di Palazzo Reale

Dove si trova Palazzo Reale: via Balbi 10, Genova.

Orari d’apertura: da martedì a sabato, e prima domenica del mese, dalle 9:00 alle 19:00; domenica dalle 13:30 alle 19:00.

Biglietti: 4€; esistono alcune riduzioni e pacchetti speciali.

Maggiori informazioni: sito ufficiale di Palazzo Reale.