Un viaggio attraverso l’imponenza del Maschio Angioino di Napoli

Pensando a Napoli e alle sue bellezze, l’immagine che appare chiara nella mente è senza dubbio l’imponenza del Maschio Angioino.

La capitale partenopea è la perla del Tirreno, perché pullula di arte, storia e sapori, e con le offerte dei voli Air Italy è più vicina di quanto possiate immaginare.

Origini

Il Maschio, con caratteristiche medievale e rinascimentali, è anche chiamato Castel Nuovo, per differenziarlo dagli edifici più antichi presenti in città, ma quello che incuriosisce, oltre alla sua solenne struttura, è il suo nome. I napoletani lo chiamano “maschio”, che, in realtà deriva dal termine “mastio” che sta a designare la torre più grande, maestosa e sicura dei castelli dell’epoca, dove il re e i suoi più stretti familiari, si riparavano in caso di pericolo o attacchi nemici.

Storia

I primi lavori di costruzione del Maschio Angioino risalgono al 1266, anno in cui Carlo I d’Angiò si stabilì a Napoli, dichiarandola capitale del suo regno. Il potere iniziava a prendere forma e ad assumere un’identità tangibile: il castello fu progettato dall’architetto Pierre de Chaule come una vera e propria residenza reale.

Con gli anni, Roberto d’Angiò, rese questo edificio un vero e proprio centro culturale, attraversato da personalità come Giotto e Boccaccio, aumentandone il prestigio. Successivamente, con la salita al trono degli aragonesi, il Castel Nuovo, prese le caratteristiche di una vera e propria fortezza, testimoniate dalla costruzione dell’Arco di Trionfo, che accoglie i visitatori e regala al luogo un forte senso di maestosità.

Il Maschio, ha una struttura a trapezio, con un patio interno spagnoleggiante, circondato da cinque torri alle estremità. È un posto incantevole, tra terra e mare, che nasconde il fascino dell’antica “Cappella Palatina” in stile gotico del ‘300 e della “Sala dei Baroni”, luogo in cui, verso la fine del ‘400, il re raccolse con il pretesto di una festa di nozze i Baroni, per poi condannarli severamente a morte.

Il Maschio Angiono oggi

Attualmente il Maschio Angioino è fulcro della vita culturale di Napoli: al suo interno di trova il Museo Civico e diverse sale come quella dell’Armeria, della Loggia e di Carlo V, dove è possibile ammirare opere pittoriche.

Il Maschio Angioino si trova in piazza Castello ed è piacevole passeggiare da queste parti, ammirandone la grandezza, soprattutto di sera, quando l’illuminazione rende il luogo suggestivo e romantico.

Potete visitare il Castel Nuovo tutti i giorni, tranne la domenica, dalle ore 9.00 alle ore 19.00. il costo del biglietto è di 6 euro, 3 euro in caso di riduzioni, e gratuito per chi ha meno di 18 anni.

Scegliete il momento più adatto e volate alla scoperta di questa meravigliosa città, che lascerà il segno nella vostra memoria.

 

Fonte immagine: Luca Aless (Own work) [CC BY-SA 4.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], via Wikimedia Commons