Chateau d’If a Marsiglia: da prigione inespugnabile a località letteraria

In occasione di un viaggio a Marsiglia, non potete rinunciare a una visita del Chateau d’If, noto come il carcere di Stato da cui era impossibile la fuggire, complice la sua formidabile e inaccessibile posizione. Tuttavia, deve il grosso della sua fama, che lo ha consacrato meta turistica, a un prigioniero che in realtà non vi fu mai rinchiuso: Edmond Dantès, conte di Montecristo, il protagonista nato dalla fantasia di Alexandre Dumas.

La storia del Castello d’If

La storia del Castello d’If inizia nei primi anni del XVI secolo con la sua fondazione a opera del re di Francia Francesco I, che rivolse la sua l’attenzione sul piccolo isolotto d’If, uno spoglio tavoliere roccioso triangolare poco distante da Marsiglia e, per questo, posizione ideale per una fortificazione.

Nel 1521, durante la guerra tra Francesco I e l’imperatore Carlo V, fu evidente la necessità di una nuova fortificazione a controllo del porto di Marsiglia per garantire la difesa della città. Tre anni dopo, il re ordinò la costruzione di una cittadella che doveva controllare il transito delle navi e la scelta, naturalmente, ricadde su If.

L’isola di Montecristo

Per soddisfare la curiosità dei lettori più appassionati, una delle celle del castello d’If è stata rinominata “cella del conte di Montecristo”. Per sposare appieno la finzione letteraria, è stato praticato un buco ne muro per ricordare quello realizzato dal prigioniero Edmond nella sua fuga.

Come visitare il Castello d’If

Per una visita al Castello d’If dovrete recarvi a Marsiglia, magari approfittando dei tanti voli giornalieri proposti da Air Italy. Una volta che sarete arrivati sul posto recatevi a Vieux Port, il porto vecchio di Marsiglia. Il castello è raggiungibile via mare, in traghetto, con una traversata di circa 20 minuti.

È possibile visitare il castello d’If da soli, in un’ora circa, o con una guida se si è in gruppo. La fortezza è accessibile anche alle persone diversamente abili e ai cani guida.

Se volete sapere ancora di più su cosa vedere assolutamente a Marsiglia e dintorni, date un’occhiata qui.