Manneken Pis, la curiosa statua di Bruxelles

Forse non tutti sanno che una delle maggiori attrazioni di Bruxelles, non è il Parlamento europeo, bensì la statua di un bambino che urina chiamato appunto “Manneken Pis”.

La statua in bronzo, alta una cinquantina di centimetri, altro non è che un’originale fontana situata nel quartiere Saint-Jacques all’intersezione tra due strade, a poca distanza dalla celebre Grand Place.

L’origine del celebre monumento è avvolta dal mistero e ha dato adito a diverse leggende. Secondo una di queste, per ridare coraggio ai suoi sostenitori in occasione della rivolta di alcuni vassalli, il duca Goffredo III di Lovanio, ancora in fasce, venne esposto nella sua culla in mezzo al campo di battaglia e, mentre il suo esercito era a riposo, il piccolo duca si alzò in piedi per espletare il bisogno fisiologico. Questo gesto ridiede animo alle sue truppe che riuscirono a vincere contro gli oppositori.

Il Manneken Pis venne nascosto dagli abitanti della città durante il bombardamento di Bruxelles del 1695 ad opera dell’esercito francese. Dopo l’attacco, fu rimessa trionfalmente al suo posto e sulla fontana fu fatta incidere la frase latina «In petra exaltavit me, et nunc exaltavi caput meum super inimicos meos.» (Il signore mi ha innalzato su un piedistallo di pietra e ora io innalzo voi al di sopra dei miei nemici).

Un’altra curiosità è che vicino al celebre Delirium pub, si trova la versione femminile del Manneken pis chiamata Jeanneke Pis. Il Manneken Pis è diventato così uno dei simboli della città di Bruxelles, una vera e propria mascotte, tanto da essere vestito “a festa” in occasione di ricorrenze o per celebrare eventi particolari.

Se volete scoprire tutte le attrazioni di Bruxelles, non mancate di prenotare il vostro volo con Air Italy.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/mickers/