Isola Tiberina a Roma: le origini leggendarie

Dalle acque del Tevere di Roma affiora l’isola Tiberina, una piccola porzione di terra, le cui origine sono avvolte nel mistero e nella leggenda.

Collegata alla terraferma attraverso due ponti, il ponte Fabricio e il ponte Cestio, l’isola Tiberina a Roma è uno dei luoghi di grande fascino che i visitatori nella capitale non possono far a meno di ammirare.

Diverse le leggende che si legano alle sue origini: potrebbe essere sorta su un’antica nave, che i romani hanno contribuito a ricordare nella forma, realizzando una poppa e una prua di pietra; potrebbe invece essere nata a seguito delle messi accumulatesi nel Tevere, gettate dal popolo come atto di protesta nei confronti di Tarquinio il Superbo.

Ma la più famosa tra le leggende è senza dubbio quella legata a Esculapio, dio della medicina a cui i romani si erano rivolti per porre fine ad una pestilenza nel 229 a.C. giungendo sino a Epidauro. Lì i sacerdoti donarono ai romani un serpente che giunto a Roma si gettò nelle acque del Tevere e si nascose tra la vegetazione dell’isola, decretando la località in cui sarebbe dovuto sorgere il tempio, corrispondente all’attuale chiesa di San Bartolomeo.

Prenota la tua vacanza a Roma e vola sull’isola Tiberina con Air Italy.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/25427576@N06