Castello di Vaux-le-Vicomte, lo spettacolo della Francia di Luigi XIV

Visitare il castello di Vaux-le-Vicomte significa immergersi in un’atmosfera magica, fatta di opulenza e storia, armonia e bellezza.

A poco più di 50 km da Parigi, lo Château è considerato uno dei più belli di tutta la Francia e, senza ombra di dubbio, uno splendido esempio di architettura settecentesca e non solo per ciò che riguarda l’edificio e le sue stanze, ma anche per il suo giardino.

La bellezza del castello di Vaux-le-Vicomte nasce proprio dall’armonia della progettazione e della decorazione delle strutture, degli interni e dei giardini. Armonia resa possibile dal grande affiatamento tra Louis Le Vau, Charles Le Brun e André La  Nôtre, rispettivamente l’architetto, il pittore e l’architetto del paesaggio che furono commissionati dal sovrintendente alle finanze di Luigi XIV, Nicolas Fouquet, per la costruzione del castello.

Venne edificato tra il 1656 e il 1661 e, per la sua inaugurazione, venne organizzata una sontuosa festa, durante la quale venne messa in scena un’opera di Molière, ospite abituale del castello.

Si dice che l’invidia di Luigi XIV nei confronti della spettacolare bellezza dello Château fu la causa che spinse il sovrano francese a incarcerare Fouquet, requisendo tutti i suoi possedimenti.

La predisposizione del castello di Vaux-le-Vicomte ad essere teatro di drammi inscenati e drammi reali continua anche ai giorni odierni: la location è divenuta set cinematografico di numerosi film.

Inoltre, il castello è spesso sede di eventi particolarmente suggestivi, come le visite a lume di candela, spettacoli d’acqua ed eventi speciali durante il periodo natalizio.

Lasciatevi affascinare da questo romantico e malinconico castello della Francia, volate a Parigi con Air Italy.

 

Informazioni utili sul castello di Vaux-le-Vicomte:

Quando: ogni giorno da marzo a novembre

Orari: dalle 10:00 alle 18:00

Biglietto: 16,50 € (biglietto intero)

Come raggiungere il castello: navetta diretta dal centro di Parigi (2 rue des Pyramides)

Maggiori informazioni: sito ufficiale del castello

 

Fonte immagine: wikimedia.org