Si può portare la sigaretta elettronica a bordo aereo?

La diffusione della sigaretta elettronica (o e-cig) e l’ambigua assimilazione alla sigaretta classica continua a far sorgere non pochi dubbi sul suo utilizzo a bordo dell’aereo. Cerchiamo di capire meglio come chi le utilizza può gestire al meglio il loro trasporto e utilizzo.

Si può portare la sigaretta elettronica in aereo?

Iniziamo, dunque, a fare chiarezza in modo inequivocabile: per la sicurezza del volo, così come per la salute dei passeggeri, fumare a bordo aereo è assolutamente vietato sia per ciò che riguarda le sigarette classiche, sia per quanto riguarda le sigarette elettroniche. Il divieto è sancito da norme internazionali e l’inosservanza delle norme sulla sicurezza della navigazione è passibile di provvedimenti legali. Tale divieto è valido in tutti gli spazi dell’aereo, compresa la toilette.

La sigaretta elettronica nel bagaglio a mano

Tuttavia, le sigarette elettroniche, così come i sigari elettronici e le pipe elettroniche, possono essere ammesse a bordo, anche in cabina, purché rimangano inutilizzate e riposte nel bagaglio a mano per tutta la durata del volo (linee guida IATA). Il perché è molto semplice: anche le sigarette elettroniche sono dotate di batteria al litio e il loro trasporto in cabina può procurare problemi di sicurezza.

Le regole sui liquidi per sigaretta elettronica in aereo

A complicare la questione, c’è anche il discorso dei liquidi della ricarica, date le normative sulla sicurezza per il trasporto dei liquidi a bordo. Per le ricariche delle sigarette elettroniche, dato il loro contenuto liquido, si devono rispettare le prescrizioni valide per il trasporto di tutti gli altri liquidi a bordo. In sostanza, per passare i controlli di sicurezza devono essere riposti in un sacchetto da liquidi.

Se vi state preparando per un viaggio in aereo, non dimenticate di leggere questa curiosità: le 10 cose da non portare in aereo.