Sardegna antica: la tomba dei giganti di Coddu Vecchju, Arzachena

Il sito archeologico di Coddu Vecchiu è uno dei più affascinanti di tutta la Sardegna. Nei pressi di Arzachena, in provincia di Sassari, si può trovare la testimonianza dell’affascinante e misteriosa civiltà nuragica. Una costruzione megalitica che non smette di stupire i visitatori provenienti da ogni parte del mondo: la tomba dei giganti.

La ricostruzione di questo sito di tumulazione collettiva, visto dall’alto, non può che ricordare la testa di toro, simbolo trascendente molto in voga nelle necropoli dell’epoca nuragica: la protome taurina.

La tomba dei giganti di Coddu Vecchju, Arzachena e le altre strutture funerarie del genere (Capichera, Li Lolghi, Madau e Tamuli), non mancarono di stimolare l’immaginazione della popolazione locale nei tempi più recenti. La pratica della tumulazione di massa e la conseguente copiosa collezione di ossa umane, assieme alle dimensione delle steli e delle facciate di queste tombe hanno dato luogo alla nascita della leggenda della casa dell’orco (domu ‘e s’orcu) e i resti umani in essa custoditi divennero, per la fantasia popolare, i resti di un mostruoso banchetto.

Incisioni sui muri della tomba dei giganti di Coddu Vecchju in caratteri punici dimostrano che il sito venne utilizzato anche in epoche successive.

Si può raggiungere il sito archeologico di Coddu Vecchju e Arzachena atterrando a Olbia con un volo Air Italy.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/ifyouloveme/