Con Sa Die de Sa Sardigna 2016, a Cagliari per celebrare la Sardegna

Con Sa Die de sa Sardigna 2016 (28 aprile) a Cagliari si commemora un evento chiave nella costruzione dell’identità sarda: i Vespri sardi. Dalla cacciata dei regnanti piemontesi da Cagliari (28 aprile 1794) a seguito del malcontento montante tra la popolazione dell’isola, è nata la festa più rappresentativa dello spirito di questo popolo.

La storia di Sa Die de sa Sardigna

Il malcontento dei Sardi era dovuto rifiuto da parte del governo piemontese di affidare un ruolo di responsabilità civile e militare alla popolazione locale. La delusione divenne ancora più cocente quando, a seguito del fedele contributo dei Sardi nella guerra contro la Francia, non venne loro riconosciuta alcuna ricompensa. Una situazione che portò a tramare la rivolta.

La ribellione dei sardi venne programmata per il periodo della Sagra di Sant’Efisio (dal 1° al 4 maggio) al fine di sfruttare l’assembramento delle masse accorse a Cagliari per l’evento. La situazione, però, precipitò già qualche giorno prima (28 aprile 1794), a seguito di un arresto operato dai piemontesi tra le fila del partito patriottico. Gli eventi di Cagliari accesero la miccia per l’esplosione delle rivolte di Alghero e Sassari e le autorità piemontesi vennero cacciate a forza dalla Sardegna.

Con Legge regionale del 1993 n° 44, il 28 aprile è stata istituita Sa Die de sa Sardigna il cui significato è intuibile anche ai non sardi: il giorno della sardegna. Un evento per commemorare la determinazione e lo spirito d’identità del popolo sardo.

Sa die edizione 2016

Nel 2016 non si faranno eccezioni e, così come nelle precedenti edizioni, il calendario della festa prevede iniziative in tutta la Sardegna che partono già dai giorni precedenti l’evento principale.

Folclore, degustazioni, musica e divertimento vi aspettano a Cagliari e nelle principali città della Sardegna per Sa Die de sa Sardigna 2016 (28 aprile) e Air Italy è lieta di accompagnarvi.