Le opere di Giotto in mostra a Milano: al Palazzo Reale le meraviglie del maestro fiorentino

In concomitanza con l’Expo, il Palazzo Reale di Milano ospiterà la mostra “Giotto, l’Italia”, un’esposizione delle opere del maestro fiorentino in programma dal 2 settembre 2015 al 10 gennaio 2016. Il percorso è composto da 10 opere di grande formato, provenienti da tutta Italia, utili a ripercorrere la vita e le opere del pittore nel contesto milanese.

Le principali opere della mostra su Giotto saranno: il Polittico Stefaneschi, realizzato per l’altare maggiore di San Pietro e attualmente esporto ai Musei Vaticani, il Polittico Bologna, proveniente dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli a Bologna e conservato nella Pinacoteca nazionale della stessa città, e il Polittico di Badia, originariamente pensato per Santa Maria ed esposto agli Uffizi di Firenze.

Proprio a Milano Giotto si trasferì poco prima del 1337, data della sua morte, dove lavorò alla corte di Azzone Visconti, allora duca di Milano, il quale gli commissionò di affrescare una parte del Palazzo Ducale. Le opere di questa fase sono purtroppo tutte scomparse, ma la sua eredità artistica si riscontra ad esempio nel frammento di Crocifissione, ritrovato nel 1929 nel campanile di San Gottardo in corte, e nelle opere degli artisti successivi che lavorarono a partire dagli anni Quaranta del Trecento presso l’Abbazia di Chiaravalle e l’Abbazia di Viboldone.

L’emozionante percorso esalta l’evoluzione del linguaggio e della pittura di Giotto, maturati nel corso dei suoi soggiorni in Italia, il quale, a partire dai suoi contemporanei in poi, è stato riconosciuto come il padre dell’arte moderna italiana.

 

Informazioni utili sulla mostra “Giotto, l’Italia. Da Assisi a Milano”:

Dove: Palazzo Reale, Piazza del Duomo 12, Milano

Apertura: tutti i giorni, dal 2 settembre 2015 al 10 gennaio 2016

Orari: Lunedì  14.30–19.30; Martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30; Giovedì e sabato 9.30-22.30

Biglietti e prezzi: da definire

Maggiori informazioni: www.beniculturali.it

 

Fonte immagine: Giotto [Public domain], via Wikimedia Commons