Egitto, il regno delle piramidi

In passato i Greci avevano stilato un elenco delle sette meraviglie del mondo. Ai nostri giorni, di quella lista di opere magne dell’intera umanità, non sono rimasti che pochi esemplari. Tra questi spiccano le piramidi, tappa obbligatoria di una vacanza in Egitto. Il punto di riferimento rimane il complesso di Giza, a 20 km dal Cairo. Le sue piramidi principali? Cheope, Chefren (riaperta al pubblico dopo tre anni di restauro) e Micerino.

Con i suoi 136 metri, quella di Chefren è la seconda piramide d’Egitto per altezza. Il primo posto spetta a quella di Cheope, in principio di 146 metri, ora di 138 a causa della rimozione del rivestimento esterno, in parte eroso, in parte impiegato per opere successive.

Le piramidi di Giza sono protette dalla monumentale sfinge, alta venti metri e lunga cinquantasette, costruita a cinquecento metri di distanza dal complesso.

Tra storia, architettura, grandeur e mistero le piramidi, a distanza di millenni, continuano a essere un polo d’attrazione irresistibile. Per scoprirle da vicino, ci sono i voli per l’Egitto di Air Italy.

Fonte Immagine: flickr.com/photos/aesum