Bitti, la prima tappa dell’Autunno in Barbagia 2015

Anche quest’anno è stata confermata l’interessante manifestazione Autunno in Barbagia 2015, una rassegna di eventi in Sardegna che ogni settimana, dal 4 settembre al 13 dicembre, permette di immergersi totalmente nelle tradizioni di un paese diverso del cuore della Sardegna, assaporandone i gusti tipici e vivendo il suo folclore.

E il primo dei 28 paesi scelti è quello di Bitti, protagonista della manifestazione per il weekend del 4, 5 e 6 settembre. Vanta uno dei più importanti centri archeologici di tutta la Sardegna, quello dei monumenti del villaggio-santuario di Romanzesu, ed è patria del Canto a Tenore, uno stile di canto corale sardo che racconta la vita di tutti i giorni del mondo pastorale, artigianale e agricolo che è stato inserito tra i “Patrimoni intangibili dell’Umanità” dell’Unesco: il paese gli ha dedicato un museo multimediale dove il visitatore può ascoltare le composizioni più conosciute, con un originale e innovativo sistema di totem che riproduce le 4 voci “de su tenore: bassu, contra, boche e mesu boche”.

Proprio la civiltà contadina e pastorale è il fulcro della storia moderna e antica di Bitti, considerato uno dei maggiori centri di produzione lattiero casearia della Barbagia settentrionale. E dagli edifici storici e religiosi del paese, come la chiesa parrocchiale di origine medievale Santu Jorgi (San Giorgio Martire), quella di Sas Grassias e di Santa Ruche, edificate nel Seicento, si possono ammirare meravigliosi scorci naturali camminando per i sentieri che si snodano lungo il territorio, con oasi di cascate e laghetti fiancheggiate da picchi granitici.

Un’apertura d’eccellenza per l’Autunno in Barbagia 2015: Bitti, la sua storia e le sue tradizioni non deluderanno certo i visitatori, i quali potranno camminare per le vie del paese alla scoperta della antiche botteghe artigiane tutt’oggi aperte. Vivete l’itinerario dell’Autunno in Barbagia 2015 e prenotate il vostro volo per la Sardegna con Air Italy.

 

Il programma per l’Autunno in Barbagia a Bitti (4-5-6 settembre)

4 Settembre:

  • 18.00: Apertura delle Cortes, con esposizioni di prodotti locali di artigianato e degustazioni di pietanze tipiche. Parallelamente, al Cinema Ariston inizia l’inaugurazione della mostra “Su Fubalur – Un paese nel pallone”, dedicata al calcio bittese.
  • 20.00: Rappresentazione teatrale a Piazza Cadone de “In su trintzeramentu…” dal Diario di Badea.

5 settembre:

  • 09.00: Inizio della manifestazione, con degustazione di prodotti tipici e le esibizioni dei gruppi di Canto a Tenore, Folcloristici in costumi di ballo tradizionale, e Cori Polifonici.
  • Dalle ore 10.00: Oltre alle iniziative dedicate ai bambini, comincia la proiezione in via G. Mameli de “L’uomo che piantava gli alberi”, un medio metraggio di animazione, oltre che “S’Isposu”, una rappresentazione del matrimonio tradizionale di Bitti.
  • Dalle 18.00: Via alle corse, prima quella dei bambini lungo il Corso Vittorio Veneto, poi quella degli adulti tra le vie del centro storico.
  • 19.00: Monologhi e dialoghi di film reinterpretati da cinque attori per “Cinque per set”, in scena al cinema Ariston.
  • 22.00: Continua la feste per le vie del centro storico.

6 settembre:

  • 09.00: Inizio della manifestazione con iniziative simili a quelle del giorno precedente.
  • Dalle ore 10.00: Proseguono le proiezioni de “Sul Film della Memoria” e “L’uomo che piantava gli alberi”, a Casa Calvisi in Via G. Mameli.
  • 16.00: Oltre alla musica nelle Cortes sino a tarda notte, si dà il via al concorso “Vitziamoci di natura e bellezza”, in cui verrà premiato il bel decoro floreale su davanzali, balconi e scalinate.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/52683828@N00