Artissima 2013, l’Oval di Torino s’illumina d’arte

L’Oval di Torino, dall’8 al 10 novembre 2013, è pronto a ospitare Artissima: la rassegna internazionale d’arte visiva contemporanea.

La fiera è strutturata in cinque sezioni:

La Main Section sarà dedicata all’esposizione delle gallerie di tutto il mondo che stanno segnando la storia dell’arte contemporanea;

New Entries sarà lo spazio dedicato agli emergenti e che avranno modo, con Artissima 2013, di presentarsi sulla scena internazionale al pubblico di appassionati e specialisti;

Present Future, anch’essa esposizione dedicata agli artisti internazionali;

Back to the Future, retrospettiva frutto di un’accurata selezione da parte di curatori e direttori di museo tra gli artisti attivi tra gli anni ’60 e ’80;

Con Art Editions ci sarà modo di esplorare le proposte editoriali, stampe e altri prodotti che hanno al centro dell’attenzione l’arte e gli artisti contemporanei.

Artissima 2013 non faticherà a replicare gli strabilianti numeri dell’edizione precedente (50.000 visitatori, oltre 170 espositori provenienti da 29 Paesi, oltre 1200 giornalisti accreditati), per confermare il prestigioso 5° posto ottenuto nella classifica delle 30 fiere internazionali d’arte contemporanea (secondo Skate’s Art Market Research).

Artissima 2013 non poteva che rinnovare la location dell’Oval di Torino: uno spazio suggestivo per le sue linee architettoniche di grande impatto visivo.

L’appuntamento offre anche l’occasione per essere presenti alla prima edizione di un nuovo progetto espositivo diffuso prodotto da Artissima: One Torino (7 novembre 2013 – 12 gennaio 2014).

Artissima 2013 vi aspetta a Torino, Oval – Lingotto Fiere (ingresso e parcheggi via Nizza 2013, ingresso pedonale in via Nizza 294). L’apertura al pubblico è prevista per i giorni 8, 9 e 10 novembre.

Biglietto – il costo del biglietto intero è di € 15,00. Sconti per under 19 e over 65, militari in divisa e universitari in possesso di libretto.

Orari – la fiera osserva i seguenti orari: 12.00 – 20.00.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/camilarte