Dove andare per il Ponte dell’Immacolata? Ecco 5 idee

Organizzate le idee per il ponte dell’immacolata e iniziate a pianificare il vostro viaggio per sfruttare al meglio questi quattro giorni di vacanza che stanno per arrivare. Con le destinazioni Air Italy approdare nelle più belle città d’arte o in esotiche mete calde è facile e conveniente. Ecco qualche consiglio per trascorrere un lungo weekend indimenticabile.

Iniziamo dall’Italia:

Torino

Città di eventi, arte, gastronomia e montagna: questa è Torino, capoluogo piemontese. Durante il ponte lungo dell’immacolata girare Torino è come una piacevole e tranquilla passeggiata a piedi. Immancabile la tappa in cima alla Mole Antonelliana con l’ascensore panoramico, un giro per Piazza San Carlo in mezzo agli artisti di strada, una visita al Museo Egizio e ai suoi tesori, la cappella della Sacra Sindone costruita dentro il Duomo di San Giovanni Battista e, dulcis in fundo, la Reggia di Venaria dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Non dimenticate di prendervi una pausa per fare la merenda a base di cioccolata calda, come si usava nelle corti sabaude del’700, insieme alle specialità della pasticceria piemontese: Garibaldi e parisien, chifel e democratic, biciolan e pan gindru.

Bologna

Bologna, per molti la città dei tortellini, delle canzoni di Lucio Dalla e della mortadella. Bologna ovviamente è questo e molto di più. Se la meta per il ponte dell’immacolata è Bologna, immergetevi nel meraviglioso e ben conservato centro della città, magari affittando una bici da passeggio. A Bologna si cammina con il naso all’insù, la città è infatti rinomata per le sue torri medievali, che sovrastano il cielo. Ad oggi se ne contano 23 delle 180 presenti durante il Medioevo e le più importanti da visitare sono senza dubbio le torri degli Asinelli e la Garisenda. Un altro famoso simbolo della città sono i portici, anch’essi medievali, che hanno creato una serie interminabile di camminamenti coperti. Altra tappa importantissima è Piazza Maggiore, da dove si possono ammirare in un colpo solo la Basilica di San Petronio, il Palazzo Comunale, il Palazzo del Podestà e il Palazzo dei Notai. Da non perdere, sempre in centro città, il Palazzo dell’Archiginnasio, sede dell’antica università e del sapere per circa due secoli.

Napoli

Napoli: città per eccellenza piena di contrasti e di fascino. Ecco alcune idee per trascorre il ponte dell’Immacolata a Napoli senza perdere le sue più importanti meraviglie. Salite a San martino per vedere dall’alto Spaccanapoli, uno dei tre decumani usati dai romani per organizzare la città. È qui che palazzi antichi e chiese si affacciano e si mischiano insieme alla vita rumorosa e quotidiana di Napoli. Se volete scoprire i tesori della città è insostituibile una visita al Cristo Velato nella Cappella di San Severo, un’opera di straordinaria maestria e, per i più sentimentali, il tesoro di San Gennaro, patrono della città, situato dentro il Duomo di Napoli. Una delle aree più belle di tutta Napoli è l’antica Reggia Borbonica all’interno della quale è ospitato il Museo di Capodimonte ed è circondata da un estesa area verde. Napoli non è solo in superficie, c’è un’intera città da vedere sotto terra. Non perdetevi allora Napoli sotterranea, con i suoi cunicoli scavati nel tufo e le mille leggende e storie sui suoi abitanti. Godetevi, passeggiando per le strade della città, il suo ottimo street food fatto di pizza, ciurilli, zeppole, calzoni e montanare.

Catania

Guardare un vulcano mentre ci si rilassa in spiaggia o ci si perde tra le storiche vie del centro. Catania è anche questo, ed è anche un’ottima meta per trascorrere il ponte dell’Immacolata: nella città siciliana, il cui barocco del centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, i luoghi da visitare, le cose da fare (e soprattutto il cibo da mangiare) sono veramente tanti. Si parte dalla centrale Piazza Duomo con il simbolo di Catania, il “Liotru” altresì conosciuta come la “Fontana dell’Elefante”. Senza spostarsi di un passo si può ammirare l’imponente cattedrale dedicata a Sant’Agata. C’è il teatro romano, datato II secolo d.C., nelle vicinanze di piazza San Francesco, e ancora il Castello Ursino, il Giardino Bellini, nel quale si possono ammirare il Viale degli Uomini Illustri, costituito da un totale di 12 statue, e l’orologio botanico caratterizzato da un quadrante composto interamente da fiori, e ultima ma non per importanza la famosa via Etnea. Il tutto condito da sole, cibo (tra i più invidiati al mondo) e la solarità intrinseca di questa terra.

Autunno in Barbagia 2015

Quale migliore occasione del ponte dell’Immacolata per visitare quei luoghi della Sardegna lontani dai giri turistici, che conservano da secoli le loro tradizioni e il loro folklore. E per farlo c’è l’Autunno in Barbagia 2015, una manifestazione che tocca una città dell’entroterra sardo diversa ogni fine settimana sino a dicembre, e che  dal 4 al 6 dicembre farà tappa a Gadoni, paese della Barbagia famoso per i meravigliosi paesaggi e contesti naturalistici in cui si trova. Un’occasione per scoprire le usanze di un tempo, le abilità dei maestri artigiani e le antiche e invariate da secoli ricette. E se questo non è già tanto, si può approfittare del weekend lungo per visitare Olbia o Cagliari, aeroporti di arrivo nonché belle città in cui spendere qualche giorno dedicato alla loro scoperta.

 

Queste sono solo alcune delle idee per trascorrere il ponte dell’Immacolata in giro per le più belle città italiane raggiungibili con i voli Air Italy.