Santo Domingo: la vita notturna nella capitale dominicana

Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana, è uno dei paradiso tropicali dei Caraibi. Sole e caldo tutto l’anno, spiagge e baie tra le più belle del mondo e la bellezza incontaminata della natura e della barriera corallina sono le attrazioni che rendono indimenticabile un viaggio su quest’isola. Ma anche per chi ama i divertimenti e un po’ di sana movida, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Scopriamo meglio cosa offre la vita notturna di Santo Domingo.

Le zone della movida

Bar e caffè all’aperto, casinò, teatri, ristoranti e discoteche: la vita notturna di Santo Domingo offre davvero di tutto. Al di fuori dei grandi alberghi e resort, la movida si concentra soprattutto nella zona coloniale e sul Malecòn, il lungomare della città, ma molto frequentate sono anche l’Avenida Venezuela e la Winston Churchill, nella parte più moderna della città. Qui si possono trovare una varietà di locali all’aria aperta, per godersi un drink mentre si ascolta uno dei tanti concerti di musica dal vivo o per cenare in uno dei tanti ristoranti: è così che comincia la vita notturna in città.

Locali notturni

Dopo la cena o il relax nei bar, il divertimento si sposta nei casinò dei grandi hotel – come lo Sheraton, il Maunaloa, il Dominican Concorde, l’Hispaniola o il Naco – o nelle discoteche e sale da ballo. Tra le più celebri e le più frequentate, da non perdere sicuramente la “Guacara Taina”, una discoteca ospitata all’interno di una grotta sotterranea, l’“Euphoria” o “La Barrica”, aperti fino a tarda notte per ballare musica caraibica o moderna. Se invece avete voglia di uno spettacolo teatrale, passate al Teatro Nazionale di Plaza de la Cultura per scoprire tutti gli eventi in programmazione.

Ora che conoscete tutto sulla vita notturna di Santo Domingo, prenotate subito il vostro volo approfittando delle migliori offerte di Air Italy.

Fonte immagine: By Marcuus (Own work) [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], via Wikimedia Commons