Museo di Luxor, uno scrigno di tesori dell’antico Egitto

Per ogni appassionato di storia dell’antichità, l’Egitto è senz’altro uno dei punti di riferimento. Forse una delle poche mete al mondo (a parte il nostro Paese) in grado di raccontare una storia arcaica e affascinante, non priva di mistero. E, se c’è un luogo in Egitto considerato la mecca di studiosi professionisti e amatoriali, ma anche di semplici curiosi alla ricerca di suggestioni su una cultura tra le più affascinanti, quel luogo è sicuramente Luxor.

Non per altro inserita tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, Luxor può vantare alcuni dei siti archeologici più belli al mondo. Le sue fondamenta poggiano sulle rovine dell’antica Tebe e nei suoi dintorni è possibile ancora visitare resti mirabili come il famoso Tempio di Luxor, il Grande tempio di Amon, i colossi di Memnone, il Ramesseum, la Valle dei Re e quella delle Regine.

Il Museo di Luxor ha raccolto parte dei reperti che i numerosi siti archeologici dell’area hanno restituito agli studiosi. Uno scrigno di tesori che raccontano la gloriosa storia dell’Egitto.

Oggetti, statue e mummie di faraoni e notabili dell’era d’oro dei regni che dominarono sulle sponde del Nilo. Per quantità di reperti secondo solo al Museo Egizio del Cairo, il Museo di Luxor è forse il più affascinante del Paese, grazie a un’esposizione curata fin nel dettaglio e alle sale progettate per donare al visitatore il senso monumentale dell’architettura egizia.

Il corredo funerario di Tutankhamon è una delle principali attrazioni del museo, ma il patrimonio non si esaurisce qui. Di seguito una selezione di tesori da non perdere durante una visita al Museo di Luxor:

Hator – Parte delle decorazioni della tomba di Tutankhamon (Valle dei Re), la maestosa testa dorata della dea dell’amore accoglie i visitatori del museo.

Sobek – Una statua a grandezza naturale rappresenta il dio-coccodrillo.

Amenothep III – La mastodontica testa della statua di Amenothep III caratterizza la sala principale del museo e rende omaggio al faraone che volle il Tempio di Luxor. La sua grandezza dà una pallida idea di quella che doveva essere  la dimensione della statua colossale sulle cui spalle poggiava.

Le 16 statue dissotterrate – Nel 1989, durante gli studi nel Tempio di Luxor, gli archeologi dissotterrarono queste splendide statue.

Akhenaton – Uno dei volti più noti delle dinastie faraoniche dell’antico Egitto, forse per le sue fattezze quasi fumettistiche. Il Tempio di Luxor ne conserva due busti.

La mummia di Rameses I – Qui si conserva quella che si suppone sia la mummia del faraone Rameses I, che regnò dal 1279 al 1212 a.C.

 

Informazioni utili per visitare il Museo di Luxor

Orari invernali: ogni giorno dalle ore 9:00 alle 21:00

Orari estivi: ogni giorno dalle ore 9:00 alle 16:00 e dalle 17:00 alle 22:00

Costo del biglietto: 70 LE

Indirizzo: Corniche el-Nil

Maggiori informazioni: pagina web

 

Per visitare il Museo di Luxor e i siti archeologici attorno all’antica Tebe, non mancate di prenotare i voli Air Italy per l’Egitto.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/andreuchis/